1996

Era nata come un’idea simpatica, durante una serata in Costa Smeralda, ma per Giovanni Soldini tornare a gareggiare nella BMW per Due in coppia con Isabelle Autissier, e’ rimasto un chiodo fisso.

 La mitica velista francese, assoluta protagonista dell’ultimo giro del mondo in solitario, e’ certamente un ambitissimo compagno di regata. Con il suo aiuto, a bordo di “Telecom Italia”, continuamente monitorato nel suo percorso, grazie alla presenza a bordo delle apparecchiature del suo sponsor, ha tentato di riprendersi il record della piu’ lunga regata in doppio del Tirreno, sottrattogli nell’edizione dell’anno prima, mentre lui era impegnato a tentare di vincere il giro del mondo.
Il primo a tagliare il traguardo, dopo le 535 miglia del percorso, e’ stato “Telecom Italia” ma le ottanta ore impiegate sono state troppe per battere il record ottenuto con 73 ore, da Vittorio Malingri, anche stavolta in lizza, insieme al fratello Enrico e secondo assoluto con quasi nove ore di distacco. La regata, che ha portato gli 80 concorrenti a girare la boa di Capri, valida per il Trofeo Nastro Azzurro e quella di Lipari, valida per il Trofeo Telecom Italia, ha visto poi arrivare, staccato di altre 13 ore “Moon Shine” dei fratelli di Terlizzi.
Quindi, insieme alle prime barche della Roma per Tutti, guidate in tempo reale da “Mucillagine Rosa”, di Egidio di Rosa, hanno tagliato “Red Red Wine” con Umberto Carrara e German Frers Jr, vincitori nella IV classe, “Match 33″ di Stefano Pellizza ed Andrea Scarpa, vincitori nella V, “Furibonda” di Ninni Sanna e Patrizia Gandini, vincitori nella III, “Jasmine” di Claudio Gardossi e Marino Suban, primo dei minitransat, “Uccelletto di Razza” di Gianluca Sferra e Pierluigi Borrelli, cui va la vittoria tra i VI classe e “Darling” di Roberto Mannucci e Pasquale De Gregorio, primi tra i multiscafi. In tempo compensato e’ risultato vincitore assoluto della Roma per Tutti “Mediterranea”, un Comet 333 di Salvatore Brancaccio, mentre “Orietta IV”, un Grand Soleil 39 di Alessio Gemini si e’ imposta nel primo gruppo.
Quando alle alle 6 e 29 della mattina di domenica, “Babajaga” di Valerio Giuganino ha tagliato il traguardo, si e’ conclusa definitivamente la parte sportiva della kermesse transtirrenica BMW per 2 e Roma per Tutti. Alle 11 poi la premiazione, nella piazzetta del marina di Riva di Traiano, ha radunato piu’ di mille persone, tra i sostenitori e i parenti degli 80 equipaggi ed i tifosi dei campioni.

Durante la cerimonia, cui hanno partecipato autorita’ civili e militari, sono stati premiati anche: “Giamar” la piu’ vecchia delle barche in gara; Luigi Castria lo skipper piu’ giovane e Franco Malingri, quello piu’ anziano. “Telecom Italia” vincitore del Trofeo Lui e Lei, per la prima coppia mista; “Anicaflash” dei fratelli Vittorio ed Enrico Malingri ha meritato il Trofeo in Famiglia.
Per quel che riguarda il Trofeo Nastro Azzurro, per il passaggio a Capri ed il Trofeo Telecom Italia, per il passaggio a Lipari, lo hanno meritato: tra i minitransat “Manital”; tra i multiscafi “Darling”; tra i sesta classe “Megaptera”; tra i quinta “Match 33″, tra i quarta “Red Red Wine” , tra i terza “Furibonda”, tra i seconda “Telecom Italia” e tra i prima “Anicaflash”. Vincitori di classe sono quindi risultati: “Jasmine” di Claudio Gardosi e Marino Suban, tra i Minitransat; “Uccelletto di Razza” di Gianluca Sferra e Pierluigi Borrelli tra i sesta classe; “Match 33″ di Stefano Pelizza e Andrea Scarpa tra i quinta classe; “Red Red Wine” di Umberto Carrara e German Frers Jr” tra i quarta classe; “Furibonda” di Nini Sanna e Patrizia Gandini, tra i terza classe; “Telecom Italia” di Giovanni Soldini ed Isabelle Autissier, nei seconda classe; “Anicaflash” dei fratelli Vittorio ed Enrico Malingri, nei prima classe; “Darling” di Roberto Mannucci e Pasquale De Gregorio tra i multiscafi.
In assoluto ha vinto naturalmente “Telecom Italia”. Nella Roma per Tutti ha invece vinto in assoluto “Mediterranea” di Salvatore Brancaccio, con “Orietta IV” di Alessio Gemini, vincitrice nella prima classe e mentre per quel che riguarda la prima tappa del Campionato d’Altomare IV zona, ha avuto la meglio “Gatsby ” di Giuseppe Barone, nella speciale classifica CHS per la BMW per 2 e’ risultata la migliore “Whisky Echo” di Valerio Brinati e Cinzia Pennestri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>