1998

Si sono fermati spontaneamente sulla linea di partenza un minuto oltre lo sparo, i concorrenti della Roma per 2, per ricordare il loro compagno di avventure Andrea Romanelli, scomparso in Atlantico nel rovesciamento della barca di Giovanni Soldini.

Poi, spinti da uno scirocco di una quindicina di nodi, sono scattati in avanti, con in testa “Il Posto delle Fragole”, un Este 39 portato da Maurizio Coco e Luigi Capozzi, seguiti da “Vulcan Gas”, un open con alla guida Francesco Pelizza e Massimo Giacomozzi. Alle loro spalle un equipaggio scolpito nel sale del mare: Diego Zamorani e Peppe Morani a bordo di “Ginger Tripp”, giusto qualche metro avanti al variopinto “Mahatma” di Leonardo Servi e Paolo Ranalli.
Due ore dopo sono invece partiti i concorrenti della Roma per Tutti, la regata in equipaggio numeroso, tra cui il piu’ veloce si e’ dimostrato subito l’avveniristico “Junoplano” di Sandro Buzzi, un concentrato di tecnologia con deriva basculante ed albero pivotante, sostenuto da sartie non fissate in coperta ma a base d’albero. Un ponente di circa 25 nodi ha spinto la flotta velocemente verso Capri. A conquistare il Trofeo Nastro Azzurro in 4a classe e a passare per primo l’allineamento davanti a Punta Carena, ci ha pensato “Silphea” di Ugo Giordano e Stefano Mango, che ha tagliato alle 4, 47′ e 50″ del giorno successivo.
Dopo circa 37 minuti sono passati Diego Zamorani e Peppe Morani su “Ginger Tripp” che hanno cos=EC meritato il boccale della Nastro Azzurro tra i V classe. A distanza di un minuto girava anche “Junoplano” di Sandro Buzzi, il primo della flotta della Roma per Tutti che, approfittando delle sue dimensioni e dell’altissima tecnologia con cui e’ costruito, aveva gia’ ripreso il distacco di due ore con il quale la flotta delle barche in equipaggio e’ partita.
E’ stata quindi la volta del gruppo compatto degli agguerritissimi V classe con “Mahatma”, “Whisky Eco” e “Vulcan Gas” quindi il primo dei Minitransat, il “Tecno Plastic” di Ettore Dottori ed Ernesto Moresino. Primo della Roma per due Natanti, che tornano direttamente a Riva di Traiano da Capri, e’ stato “Giu’ la Testa” di Ezio Sarti ed Alberto Ferrari, mentre “Citta’ di Salerno”, di Gianfranco Tortolani e Fabio degli Esposti, “Maria Vittoria” di Angelo Ciciriello e Lucia D’Andrea e “Titti Tre” di Giuliano Solenni e Francesco Tregnaghi hanno vinto il Trofeo Nastro Azzurro rispettivamente in VI, II e III classe.
Il ponente calato a meno di cinque nodi, non ha fermato la corsa di “Junoplano”, in testa alla flotta delle 63 barche rimaste in gara nella Roma per 2 – Roma per Tutti. Cos=EC l’imbarcazione di Sandro Buzzi ha raggiunto la boa di Lipari alle 3,35 della notte successiva .

Cinque ore dopo, ha girato la prima delle barche in equipaggio doppio: “Mahatama” di Leonardo Servi e Paolo Ranalli seguita dalla vincitrice del Trofeo Nastro Azzurro a Capri: “Ginger Tripp” di Diego Zamorani e Peppe Morani staccata di 45 minuti e quindi da “Vulcan Gas” di Francesco Pelizza e Massimo Giacomozzi, dopo altri 12 minuti. Dopo oltre un’ora e’ stata quindi la volta di “Silphea” di Ugo Giordano e Stefano Mango.
Alle 16 e 39 ha tagliato invece il traguardo di Riva di Traiano, tornando direttamente da Capri, il primo della Roma per Due Natanti: “Giu’ la Testa” di Ezio Sarti e Alberto Ferrari che ha vinto cos=EC la regata ridotta di 280 miglia, seguito da “Relax III” di Tommaso Bossu’ e Claudia Sciunnach. E’ entrata quindi una alta pressione che ha annullato la forza del vento lasciando i concorrenti a ciondolare nelle piatte.
A pagare piu’ di tutti lo scotto e’ stato quindi Junoplano che, arrivato nei pressi di Capri ha deciso di ritirarsi non essendo piu’ in media per la conquista del record. Alla fine a tagliare per primo, alle 10 di mercoled=EC e’ stato “Vulcangas” portato da Francesco Pelizza e Massimo Giacomozzi che ha quindi vinto in assoluto, nella quinta classe e alla fine anche il Trofeo Open articolato anche sulle classiche 500X2 e Rimini Corfu’.
A poco piu’ di mezz’ora ha tagliato “Mahatma” e quindi “Silphea” vincitore tra i 4a classe e quindi “Ginger Tripp”. Hanno quindi vinto “Maria Vittoria” di Angelo Ciciriello e Lucia D’Andrea nei 2a classe, “Frenesia II” di Fabio Marinuzzi e Stefano Foti nei 3a, “Herod Sport” di Pasquale Lippa e Giulio Ricci tra i 6a ed “Emu Ouverture” di Massimo Rufini e Danilo Fontana tra i Minitransat.
Nella Roma per Tutti ha triofato invece “Swing Cot” di Nicola Russo che si e’ aggiudicato il Trofeo Don Carlo e poi il Nastro Azzurro della Grande Altura Mediterranea, sulla combinata: Middle Sea Race, Roma per Tutti, Giraglia, con premiazione al Salone di Genova.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>