2003

10 ANNIVERSARIO Ed ecco gia la decima edizione, in cui alle solite classiche in doppio ed in equipaggio sulle 535 miglia, si sono aggiunte: la Short Distance e la Roma per Tutti Cruise, sul percorso corto: Riva di Traiano, Capri, Riva di Traiano per un totale di 280 miglia. E’ stato ancora record, con 133 imbarcazioni che hanno preso il via, con un vento leggero ed hanno marciato verso il primo traguardo volante di Capri.

Fra questi c’era anche il veterano della regata, Valerio Brinati, questa volta in coppia con Andrea Florio, con la sua barca Whisky Echo, che ha partecipato a tutte le edizioni della regata e sempre sullo stesso scafo. In testa alla flotta della Roma per 2, partita alle 11, si è piazzato subito il velocissimo trimarano Cotonella, portato da Franco Manzoli e Francesco Mura, che è stato il primo a passare la boa di Capri, mentre tra i monoscafi, ha preso il comando Softy, un G 35 portato da Francesco ed Aimaro Malingri. Per la Roma per Tutti, partita alle 13 e 30, già ai primi bordi è iniziata la lotta tra Moonshine, il prototipo disegnato da Paolo Cori, portato da Edoardo Ziccarelli e Juno Plano di Sandro Buzzi che, una volta messa a punto la posizione del bulbo basculante, ha iniziato a guadagnare in velocità. Durante la prima notte di navigazione, la termica si è inesorabilmente esaurita, così la flotta è rimasta a ciondolare nel basso Tirreno, fino all’arrivo del provvidenziale levante che ha spinto sulle vele dei concorrenti, indirizzandoli verso Capri. I primi di classe a passare la boa di Capri, vincitori dell’ambito trofeo Nastro Azzurro, sono stati quindi: Cotonella, Junoplano, primo della Roma per Tutti, Kind of Blue, un Comet 65 portato da Corrado Tartarini e Mauro Fiamma, al comando della classe 0, Big Jim, un J39 di Marco Donati e Mario Henriquet, primo dei IV classe, Diavolo Porco, un Adventure 30 con a bordo Enzo Fontana e Tomaso Macchi, primo dei VI classe, Whisky Echo l’Este 35 di Valerio Brinati e Andrea Florio, primo dei V classe, il Minitransat Diabolo Slam di Enrico Paoletti ed Enrico Tettamanti, transitato alle 15.17 e Margarita un Grand Soleil 40 di Gino Petronella e Luigi Castria, primo dei terza classe. Il terzo giorno, con un vento intorno ai 6 nodi da Sud Est, Cotonella è passato alla boa di Lipari conquistando così per primo il Trofeo Jaguar.

Si sono quindi meritati il premio: Moonshine, primo della Roma per Tutti, Kind of Blue, Margarita, Diavolo Porco, Whisky Echo, Big Jim ed il Minitransat Crueza de Mar, con al timone Andrea Caracci e Margherita Pelaschier. Nel frattemo al traguardo di Riva di Traiano, erano giàrrivati i primi della regata corta, con in testa Gaiarda, il Dod 30 di Riccardo Capociuchi ed Aurelio Magnini, vincitori della Roma per 2 Short Distance, e Bulbo Matto, un Sun Fast 43 di Francolino e Paolo Sgritta, in testa alla flotta della Cruise. Alle 17.49 del quarto giorno èrrivato quindi al traguardo Cotonella, vincitore assoluto della decima edizione della Roma per 2, alle sue spalle Moonshine, primo in tempo reale della Roma per Tutti e Diavolo Porco, primo assoluto dei monoscafi della Roma per 2, che ha compiuto una prestazione entusiasmante per una barca di meno di dieci metri. Solamente durante il quinto giorno di regata, finalmente, le brezze termiche hanno avuto il sopravvento sulle piatte dell’alta pressione, cosìn nottata c’ètato un grande movimento con le barche della Roma per 2 che si sono accalcate sulla linea di arrivo. Dopo Diavolo Porco, il VI classe di Enzo Fontana e Tomaso Macchi, vincitori assoluti della regata in doppio, ètata la volta di Big Jim di Marco Donati e Mario Enriquet, vincitori in IV classe. Ad imporsi nei V classe ètato il solito Whisky Echo con Valerio Brinati e Andrea Florio. La classe 0 èndata a Kind of Blu di Corrado Tartarini e Mauro Fiamma, mentre nella lotta dei Minitransat tra Cruisa de Mar e Diabolo Slam ha avuto la meglio quest’ultimo, portato da Enrico Podestàd Enrico Tettamanti. Primo dei I classe ètato Argentina di Vincenzo Scotto e Paolo Cutolo, mentre nei III classe si èmposto Durlindana di Francesco Piva e Isidoro Santececca.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>